Nimésse - les blessures


Nimesse - AV - RM - 24 anni - www.myspace.com/nimesse

Torniamo ad un nostro amico. Nimesse. Stavolta con un'intenzione diversa. Diamo per certo che la sua arte sia ispirata, certo è che ispirazione non è sinonimo di plagio, certo è che ispirarsi a grandi del campo è sempre una finezza, e nel caso di grandi del passato non è una fossilizzazione, poichè se si riesce a personalizzare il prodotto e a caraterizzarlo allora non si rientra più nella definizione di "residuato bellico". Tutto questo è ciò che l'artista ci propone nelle sue opere. Ed io personalmente non faccio una colpa all'ispirazione artistica, anzi, guai se non esistesse! Esalto invece le capacità creative dei singoli artisti, che in quanto tali, elaborano delle bellissime idee non necessariamente partendo da tabula rasa. Vi propongo qui due esempi:






Questo proposto è Lucio Fontana nei suoi "concetti spaziali". La similarità dell'idea è evidente, ma non lo stile. Nimesse è riuscito a trasportare in arte ancor più moderna ciò che già era stato considerato all'avanguardia. L'uso di colori spray ha aiutato molto. L'idea dello sfondo bicromatico permette di non discostarsi troppo dall'originale rappresentazione, l'innovazione è nelle metodiche e negli attrezzi da lavoro. Sicuramente lo studio e l'impegno dedicato alla creazione dell'opera ne danno un valore maggiore, oltre la primordiale ribellione ai canoni artistici. Lo spazio rappresentato da Nimesse ha una forma diversa, non si perde nel vuoto buio senza fine di Fontana, anzi, sembra avere spazio nel verso opposto, è volume, è spazio occupato invece che sottratto. Quelle forme deturpanti la tela richiamano dei graffi violenti. L'inclinazione da un'idea di movimento e di nevroticità al gesto. Il disordine regna da sovrano, la stesura dei colori non è omogenea e questo non è che altro motivo caratterizzante. Ancora una volta questo artista è riuscito a sorprendermi, residuato bellico che sia, nelle sue opere leggo fulgida inventiva ed estenuante energia.


opera dell'autore correlata:

1 commento:

HANNA ha detto...

Ciao!
grazie del passaggio e del commento nel mio blog...
certo è che l'arte oggi non è un ritratto della persona o dell'evento in mancanza di aparato fotografico, ma un idea astratta, simbolica di come ad esempio uno vede la fessura tra le natiche....
quale arte preferisco?
dopo JAD Ingres, anche se adoro Nietzsche!